Sicurezza in magazzino: comportamenti pericolosi alla guida

Carrelli elevatori che circolano, carichi immagazzinati, merci che vengono movimentate, persone che si spostano. In un luogo come il magazzino risulta più facile essere esposti a situazioni pericolose. L’utilizzo del carrello elevatore richiede la massima attenzione e il rispetto di precise regole da parte dell’operatore: manovre o comportamenti impropri possono minare la sicurezza del carrellista e quella altrui. Negli ultimi anni la tecnologia ha assunto un ruolo sempre più importante nella riduzione dei rischi sul luogo di lavoro. Esistono sistemi di sicurezza attivi e passivi studiati, per esempio, per prevenire incidenti e garantire così l’incolumità degli operatori e delle merci. Muoversi in sicurezza all’interno di un magazzino dove circolano persone e mezzi per il carico e lo scarico delle merci non sempre, tuttavia, è semplice. È importante che l’operatore sia sempre scrupoloso e vigile così da valutare, di volta in volta, eventuali situazioni di pericolo. Ecco una lista delle situazioni in cui è meglio non guidare un carrello elevatore.

Consigli per l’utilizzo sicuro del carrello elevatore

In primo luogo, l’operatore non può guidare il veicolo se non ha frequentato il corso di formazione obbligatorio per i lavoratori addetti alla conduzione di carrelli elevatori e non è in possesso del patentino per il muletto. Solo dopo avere superato l’esame, sarà rilasciata l’abilitazione alla conduzione del carrello elevatore con validità di un periodo di 5 anni, decorsi i quali l’operatore dovrà partecipare ai corsi di aggiornamento per continuare a guidare il carrello.
Può risultare banale ma è bene ricordarlo sempre: il carrellista non si deve mettere alla guida se non è nelle condizioni di farlo. In particolare modo se stanco o se sotto l’effetto di alcol o farmaci che causano sonnolenza.         
Nel magazzino possono esserci alcune aree con dei rischi specifici dovuti alla presenza di sostanze esplosive e gas infiammabili. Prima di entrare in queste zone, è essenziale accertarsi che il carrello utilizzato sia classificato per lavorare in tali ambienti, onde evitare di incorrere in gravi pericoli.
Il mulettista deve sempre indossare i dispositivi di sicurezza. Le scarpe antinfortunistiche sono la migliore prevenzione contro rischi di schiacciamento o di slittamento nelle operazioni di salita e di discesa dal carrello. L’elmetto è consigliato per proteggere il capo da urti o cadute di oggetti dall’alto. I guanti proteggono le mani da abrasioni, tagli e ustioni.  
Se nel pavimento fossero presenti oggetti sparsi, non passateci sopra, potreste arrecare danno al carrello e agli oggetti. Lo stesso vale in presenza di cavi elettrici o tubazioni non adeguatamente protetti. Se durante il percorso, doveste invece incontrare dei dossi, accertatevi che la loro altezza sia inferiore all’altezza minima da terra del carrello. Non guidate mai in prossimità di scavi, buche e trincee: se non sono ben armate si potrebbe verificare un cedimento del terreno vicino ai bordi a causa del peso del carrello.   
È vietato usare il carrello elevatore per trasportare persone, trainare altri mezzi ed effettuare lavori di manutenzione in altezza.        
Quando particolari condizioni di carico impediscono una buona visibilità occorre marciare all’indietro. Se è necessario procedere a marcia in avanti i colleghi che assistono da terra devono aiutare nella manovra.    
E ancora, in caso di marcia in prossimità di rampe occorre prestare la massima attenzione alle traiettorie che potrebbero causare inclinazioni trasversali del carrello.           
Senza dimenticare tutte quelle condizioni di scarsa visibilità: nelle giornate con nebbia o piogge abbondanti è bene prestare attenzione quando si usa il muletto. Anche il vento forte potrebbe rendere il mezzo instabile, soprattutto quando il carico è posizionato in alto.